Azioni Impresa
Modulistica SUAP semplificata e standardizzata e Linee guida per agevolare le imprese

La standardizzazione e semplificazione della modulistica per l'avvio dell'attività d'impresa sono  indispensabili per agevolare l´informatizzazione delle procedure e la trasparenza nei confronti di cittadini e imprese. Nella logica della digitalizzazione delle istanze e delle segnalazioni, la modulistica non sarà più concepita nella forma tradizionale cartacea, ma come standardizzazione e semplificazione delle informazioni richieste. Sulla base della ricognizione dei procedimenti (azione 5.4) e in attuazione delle disposizioni dell'art. 24 del decreto legge n.90 del 2014, che prevede l'adozione previa intesa in conferenza unificata dei moduli unici per la presentazione di istanze, segnalazioni e altre dichiarazioni, l'azione prevede:

  • individuazione, per tipologia di procedimento, delle informazioni standard;
  • predisposizione dell’elenco delle informazioni che le amministrazioni non possono chiedere;
  • predisposizione di percorsi guidati per la compilazione della modulistica online, che agevolino le imprese nella presentazione di istanze, segnalazioni e comunicazioni al SUAP.

 

Icona_Tempi.png

Tempi di realizzazione delle nuove attività in attuazione della riforma

Predisposizione delle informazioni standard per le procedure più rilevanti: dicembre 2016 

Prosecuzione delle attività di semplificazione e standardizzazione: dicembre 2017

Verifica dell’utilizzo della modulistica: dicembre 2017

Icona_Responsabile.png

Amministrazioni responsabili

DFP, MISE, Regioni ,Comuni e AGID, DPE

Icona_AltreAmmCoinvolte.png

Altre amministrazioni coinvolte

Unioncamere, amministrazioni statali

Icona_RisultatoAtteso.png

Risultato atteso

Utilizzo in tutti gli sportelli della modulistica standardizzata e unificata

Nota: L’azione è stata aggiornata in considerazione del ruolo fondamentale attribuito alla modulistica unica e standardizzata dal d.lgs. n. 126 del 2016, di attuazione della delega in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), di cui all’art. 5 della legge n. 124 del 2015.

 

A che punto siamo?

Sono state concluse le attività istruttorie ai fini dell’adozione del decreto legislativo n. 222 del 25 novembre 2016, recante “Individuazione dei procedimenti oggetto di autorizzazione, Scia, silenzio assenso e comunicazione e di definizione di regimi amministrativi applicabili a determinate attività  e procedimenti, ai sensi dell’art. 5 della legge 7 agosto 2015, n.124” che rappresenta la base di riferimento sui cui è stata predisposta la nuova modulistica.

Sulla base di una impegnativa istruttoria, che ha coinvolto anche le associazioni imprenditoriali, Il 4 maggio 2017 la Conferenza unificata ha approvato la modulistica unificata e standardizzata in materia di attività commerciali e assimilate, nonché le relative istruzioni operative che indicano “tutto quello che non può più essere richiesto ai cittadini.

In particolare, i moduli riguardano:

  • Esercizio di vicinato
  • Media e grande struttura di vendita
  • Forme speciali di vendita (in spacci interni, mediante apparecchi automatici in altri esercizi già abilitati e/o su aree pubbliche, per corrispondenza, tv, e-commerce, presso il domicilio dei consumatori)
  • Bar, ristoranti e altri esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (in zone tutelate, in zone non tutelate, somministrazione temporanea)
  • Attività di acconciatore e/o estetista
  • Subingresso in attività
  • Cessazione o sospensione temporanea di attività
  • Notifica sanitaria ai fini della registrazione (Reg. CE n. 852/2004).

E’ stata, inoltre, predisposta una scheda anagrafica comune a tutte le attività e che costituisce parte integrante di ciascun modulo.

Il modulo per la notifica sanitaria riguarda tutti gli operatori del settore alimentare.

La modulistica riguarda un settore in cui operano oltre 1.400.000 imprese .

I comuni, hanno l’obbligo di pubblicare sul loro sito istituzionale entro e non oltre il 30 giugno  2017 i moduli unificati e standardizzati adottati. I moduli possono essere adattati, ove necessario, dalle Regioni alle specifiche normative regionali entro il 20 giugno 2017. La mancata pubblicazione dei moduli e delle informazioni indicate sopra entro il 30 giugno costituisce illecito disciplinare punibile con la sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da tre giorni a sei mesi.

Naturalmente  l’obbligo di comunicazione è assolto anche attraverso il link alle piattaforme telematiche in uso o alla modulistica adottata dalla Regioni

Con successivi accordi o, per le materie di competenza statale, con decreto del Ministro competente di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, verranno adottati i moduli per le altre attività/procedimenti indicati nella Tabella A allegata al decreto legislativo n. 222 del 2016.

 

ATTIVITA'TEMPISTATO DI ATTUAZIONE

Definizione  metodo di lavoro, predisposizione  anagrafica unica e primi modelli

giugno 2016

semaforo verde - risultato raggiunto
Definizione delle informazioni standard per le procedure più rilevanti

dicembre 2016

 semaforo verde - risultato raggiunto
Prosecuzione delle attività di semplificazione e standardizzazione

dicembre 2017

semaforo giallo - attivita in corso
Verifica e monitoraggio

dicembre 2017

semaforo giallo - attivita in corso

 

Legenda:

semaforo verde - risultato raggiunto risultato raggiunto;  semaforo giallo - attività in corsoattività in corso;  semaforo rosso - attività in ritardo attività in ritardo; semaforo spento - attività non iniziata attività non ancora iniziata.

 

Puoi contribuire all'attuazione dell'Agenda lasciando i tuoi commenti su questa Azione.


Massimo 1500 caratteri. Se vuoi, puoi lasciare la tua mail per consentirci eventuali approfondimenti
Inserisci il codice visualizzato o ascoltato
PRIVACY - I dati trasmessi saranno elaborati in forma anonima e conservati nel rispetto della normativa sulla privacy

 

Ultimo aggiornamento: martedì 23 maggio 2017